© Roberto Mazzarelli 2019

Valeria Crescenzi | VERNICE (Videoclip)

Quando la cantautrice Valeria Crescenzi mi propose di girare un videoclip di una canzone tratta dal suo album di debutto Imperfetto, la prima idea che venne ad entrambi fu quella di creare un’opera visiva che da un lato sposasse i significati del suo progetto artistico e dall’altro riuscisse ad essere una creazione autonoma e indipendente. È in questa contraddizione che si sono messe in gioco due anime, artistiche e umane, segnate da una profonda amicizia e stima che lega me e Valeria dai tempi di Officina Pasolini, luogo in cui le nostre menti si sono incontrate. 

 

In questo rispecchiamento empatico e creativo, la natura è ciò che più di ogni altra cosa ha accumunato i nostri discorsi e i nostri sogni. Per tal motivo è diventata la vera protagonista del videoclip di Vernice, il cuore pulsante che ha permesso questa sincronia tra immagine e musica. La natura, idilliaca e accogliente ma anche misteriosa e labirintica, con zone d’ombra spaventose e minacciose. Del resto credo che proprio in questa ambivalenza si celi il significato della canzone. Nello scorrere delle cose si manifestano le emozioni più profonde dell’essere umano, collocato oggi come non mai in quello che Zygmunt Bauman definiva “società liquida”, dove la solidità delle cose viene definitivamente a mancare. Ma è al di fuori di questa società moderna che l’uomo tende a ritrovarsi e ricostituirsi, proprio laddove la natura regna sovrana. 

 

Se da un lato, però, la natura e l’essere umano sono i due elementi che hanno dato origine a questo videoclip, a completare questo quadro di significanti è stata una ‘terza natura’ che non potevamo trascurare: quella delle immagini. In tal senso, abbiamo deciso di realizzare questo videoclip in pellicola, affidandoci a tecnologie analogiche obsolete eppure in grado di restituire un corpo e una profondità alle immagini che nessuna delle attuali tecnologie di ripresa ci avrebbero dato. Su questo substrato fotografico, così simile alla pelle dell’uomo e alla corteccia degli alberi, siamo riusciti a portare a termine il nostro lavoro, con la consapevolezza di aver realizzato un’opera (s)marginata, fuori dai canoni visivi e musicali presenti.

 

Roberto Mazzarelli

 

 

 

CREDITS


Testo e Musica: Valeria Crescenzi - Antonello Armieri
Produzione artistica e tutti i suoni: Francesco Valente

Video: Roberto Mazzarelli 

 

Please reload